ABOUT  ME

Un’intuizione ed un’idea che travolgono la mente, la illuminano e la rendono creativa. Ecco che tra le mani si prende una tela bianca, vuota, priva di personalità, che non trasmette alcuna emozione, e la si trasforma magicamente in una sorta di essere vivente, in quanto capace di comunicarci un pensiero, un’immagine e molteplice sensazioni ad essa legate.

Esistono persone in grado di compiere questo miracolo. Sono coloro che chiamiamo comunemente “artisti”; persone dotate di qualità speciali e rare; esseri ai quali è stata regalata la capacità di riprodurre il proprio pensiero e di trasmetterlo poi all’umanità intera, perché è questo il vero significato dell’arte ed il vero scopo di vita di ogni artista: donare la bellezza a tutto il mondo.

Francesca Kiara rientra appieno in questa categoria di esseri umani sensibili, intuitivi, dotati ed ispirati. La giovane pittrice di Brescia dipinge tele entusiasmanti e colorate; vivaci e gioiose; impulsive ed emotive. Nata nel 1984 e cresciuta in una famiglia di artisti, si è avvicinata al mondo dell’arte in modo naturale, fin da bambina, cominciando ad esprimere il proprio potenziale. Dopo aver inizialmente dipinto con olio su tela durante le lezioni di pittura dalla zia, decide poi di passare all’acrilico e agli smalti ed ecco che, come per magia, prendono vita le sue prime opere artistiche.

I colori che ama sono soprattutto forti e brillanti, come il fucsia, che è proprio il titolo di uno dei suoi primi quadri, dove si può osservare la sua tendenza pittorica orientata verso l’espressionismo astratto. Si tratta di una corrente artistica sviluppatasi negli Stati Uniti verso la metà del secolo scorso, che vede al suo interno esponenti di grande rilievo quali, uno su tutti,  Jackson Pollock. Il modo di dipingere di questi maestri dell’arte, così come quello di Francesca, pone l’enfasi sulla creazione spontanea, automatica e subcosciente. Non a caso adotta la tecnica del dripping (in inglese: sgocciolatura) proprio come Pollock, che consiste nel dipingere su una tela stesa sul pavimento.

Artista piena di vitalità e creatività, ha in previsione di ampliare ulteriormente le sue serie di opere e di crearne delle nuove, sta dipingendo  inoltre su altri materiali tipo ferro e alluminio, cercando di essere sempre più innovativa e all’avanguardia. Inoltre i suoi progetti espositivi la stanno portando alla ricerca di galleristi che la possano aiutare ad avere una vetrina più ampia di ammiratori e di estimatori.

 

A cura di  Elena Parigi